Platform Meeting sulle Specie Aliene Invasive ( IAS )

Il Programma LIFE ha svolto un ruolo chiave aprendo la strada allo sviluppo e all’adozione del Regolamento UE 1143/2014 sulle specie aliene invasive (IAS), entrato in vigore da gennaio 2015. Inoltre, il programma LIFE ha contribuito alla produzione di una notevole quantità di conoscenze in termini di azioni innovative, lezioni apprese, esperienza, informazioni tecniche e buone pratiche. Al fine di condividere gli innumerevoli risultati, è stata programmata una conferenza di due giorni specificamente incentrata sulla tematica delle specie aliene invasive, che si è tenuta a Milano dal 29 al 30 novembre 2017, e che ha coinvolto numerosi progetti LIFE che se ne occupano.
L’incontro è stato organizzato ed ospitato dalla Regione Lombardia, coordinatore del Progetto Integrato LIFE14 IPE/IT/000018 GESTIRE 2020 “Gestione integrata della natura fino al 2020″, che comprende azioni che riguardano le specie aliene invasive. L’obiettivo dell’evento, condiviso anche dalla NEEMO (il gruppo di monitoraggio esterno che sostiene la Commissione Europea e l’EASME per l’attuazione del programma LIFE), è stato quello di riunire i beneficiari dei progetti e i rappresentanti dei principali organi istituzionali come la Commissione Europea, l’Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME), il Joint Research Centre (JRC) e la Segreteria per la Convenzione di Berna del Consiglio Europeo.
L’incontro è stato un’occasione per valutare i punti di forza e di debolezza del Programma LIFE in relazione all’attuazione del Regolamento UE sulle IAS (insieme alla Strategia dell’UE sulla Biodiversità fino al 2020), per valutare le sfide e le opportunità future, compresi i legami con altre misure normative europee di protezione della natura (Direttive Habitat e Uccelli selvatici, Regolamenti sul commercio delle specie selvatiche, Direttiva quadro sulle acque, ecc.) e per valutare possibili sinergie con altre risorse finanziarie dell’UE (Orizzonte 2020, Fondo per lo Sviluppo Rurale, Fondo marino e della pesca, ecc.).
La conferenza è stata incentrata sui temi relativi alle IAS con particolare attenzione alle buone pratiche e alle criticità. L’incontro è stato produttivo in quanto ha contribuito allo scambio di esperienze tra membri di progetti diversi ma con problematiche comuni e alla diffusione di risultati e conoscenze che dovrebbero fornire un utile spunto per lo sviluppo di eventuali idee e proposte future. Per l’occasione è stato prodotto e distribuito un catalogo contenente informazioni su tutti i progetti coinvolti nell’evento.
La presentazione da noi proposta era intitolata “Controllo di Ailanthus altissima: esperienze nell’ambito del progetto LIFE Alta Murgia” ed è stata incentrata sui principali risultati trasferibili e ripetibili finora ottenuti (software di mappatura, strategia di controllo, ecc.) e sulle principali difficoltà (tecniche, burocratiche e normative) superate. Sono stati scambiati importanti contatti con esperti di altri progetti e con autorità delle principali istituzioni. La partecipazione all’evento ha permesso di dare ampia visibilità e diffusione dei risultati conseguiti nell’ambito del progetto LIFE Alta Murgia e di ricevere numerosi apprezzamenti sulle attività condotte e in corso e sulla strategia di controllo dell’ailanto sviluppata, confermando così l’importanza delle attività di networking.

Foto di gruppo      Casella